Partecipazione al Bando

Con Decreto nr. 7623 del 26 Giugno 2017 l’Autorità di Gestione del Programma di Cooperazione Italia Svizzera 2014-2020 ha approvato l’Avviso per la presentazione dei progetti e i relativi documenti allegati.

Prende così avvio il terzo “step” di un percorso avviato il 1 Luglio 2016 che ha  visto:

  • Il lancio di una Manifestazione di Interesse il 1 Luglio – 30 Settembre 2016 finalizzata a raccogliere idee progetto da parte degli stakeholder dei territori dell’area di cooperazione che ha consentito la raccolta di 272 Manifestazioni di Interesse
  • L'organizzazione di 7 “Laboratori per lo sviluppo delle progettualità” realizzati a Domodossola, Zernez, Varese, Manno, Bolzano, Aosta, Martigny, e 2 InfoDays a Milano: uno sugli Aiuti di Stato e uno di presentazione del sistema informativo SiAge ai quali hanno partecipato oltre 800 potenziali beneficiari. I Laboratori hanno consentito di supportare concretamente i potenziali beneficiari sui temi del Quadro Logico, della Comunicazione, della costruzione del Budget (qui tutti i materiali forniti).
  • La pubblicazione del Bando. A partire da Lunedì 3 Luglio alle ore 12.00 i soggetti che hanno presentato una Manifestazione di Interesse e che hanno partecipato ai Laboratori possono presentare progetti a valere sui cinque Assi del Programma:
    • Asse 1 Competitività delle imprese: che mira ad accrescere la collaborazione transfrontaliera tra imprese, al fine di integrare e modernizzare il sistema economico dell’area e rafforzarne la competitività, con il coinvolgimento di altri attori dello sviluppo quali loro rappresentanze, centri di ricerca ed enti pubblici in grado di accelerare i processi di innovazione e ridurre alcuni svantaggi delle MPMI (Micro e Piccole Medie Imprese) del territorio.
    • Asse 2 Valorizzazione del patrimonio naturale e culturale: intende migliorare la gestione integrata e sostenibile della risorsa idrica e accrescere l’attrattività dell’area, promuovendo l’uso sostenibile delle risorse naturali e culturali e valorizzandole in maniera integrata.
    • Asse 3 Mobilità integrata e sostenibile: punta ad accrescere la qualità della mobilità transfrontaliera attraverso soluzioni di trasporto più efficienti, perché integrate, e più rispettose dell’ambiente.
    • Asse 4 Servizi per l’integrazione delle comunità: sostiene l’introduzione di soluzioni condivise per migliorare la fruizione e la qualità dei servizi socio-sanitari e socio-educativi, in particolare in favore delle persone con limitazioni dell’autonomia, affette da disabilità e a rischio di marginalità.
    • Asse 5 Rafforzamento della governance transfrontaliera che promuove le capacità di coordinamento e collaborazione delle Amministrazioni, anche in una logica di governance multilivello, nonché migliorare i processi di partecipazione degli stakeholders e della società civile.

Due le tipologie di progetti che possono essere presentati:

  • Progetti brevi (di durata non superiore ai 18 mesi), a partire dal 3 Luglio ore 12.00 fino al 29 Settembre 2017 ore 12.00.

La quota FESR del contributo pubblico per parte italiana per ogni singolo progetto non potrà superare di norma:

  • € 1.000.000 per gli Assi 1, 2, 3 e 4;
  • €   600.000 per l’Asse 5;

 

  • Progetti di durata compresa tra 18 mesi + un giorno e 36 mesi, a partire dal 3 Luglio ore 12.00 fino al 31 Ottobre 2017 ore 12.00;

 

  • € 1.700.000 per gli Assi 1, 2, 3 e 4;
  • € 1.100.000 per l’Asse 5;

 

La dotazione finanziaria del bando risulta pari all’80% delle risorse disponili sul Programma: per parte italiana è pari a € 86.621.000,00 mentre per quella di parte svizzera è pari a CHF 17.185.000.

Sono considerati soggetti ammissibili: unicamente coloro che hanno presentato una Manifestazione di Interesse e che hanno partecipato congiuntamente ad uno dei sette Laboratori; nello specifico i Capofila debbono rientrare nelle seguenti tipologie:

  • Organismi pubblici;
  • Organismi di diritto pubblico (per parte italiana);
  • Organismi privati;

e avere sede legale o operativa nello spazio di cooperazione. Potranno rivestire il ruolo di Beneficiario capofila anche gli Enti pubblici lombardi o piemontesi con sede esterna all’area di Programma, purché abbiano competenze istituzionali sull’intero territorio regionale.

L’intensità del contributo è la seguente:

  1. per parte italiana sarà del 100% del costo ammesso per i beneficiari pubblici (85% risorse FESR e 15% risorse messe a disposizione dallo Stato italiano.
  2. per parte svizzera, il contributo Interreg potrà raggiungere al massimo il 50% del costo totale del progetto di parte svizzera, cumulando i contributi cantonali e i contributi federali.

Le spese ammissibili sono:

  • spese di personale;
  • spese d’ufficio e amministrative;
  • spese di viaggio e soggiorno;
  • costi per consulenze e servizi esterni;
  • spese per attrezzature;
  • spese per infrastrutture e strutture edilizie (in Svizzera denominate: “Spese per eventuali opere infrastrutturali”).

La presentazione dei progetti dovrà avvenire sulla piattaforma informativa SiAge. Due Tutorial guidano i potenziali beneficiari nella profilazione al sistema e nella compilazione della domanda online.


Documenti di riferimento.

In questa pagina sono disponibili i documenti che costituiscono l’Avviso per la presentazione dei progetti (Decreto e relativi 15 allegati):

  • D.01 – Avviso pubblico per la presentazione dei progetti
  • D.02 - Quadro di riferimento per Asse e Obiettivo specifico
  • D.03 - Scheda per la presentazione dei progetti;
  • D.04 - Modello del file Excel contenente il dettaglio del budget e il cronoprogramma di progetto;
  • D.05 - Modello di dichiarazione congiunta per la presentazione del progetto da parte dei Capofila italiano e svizzero;
  • D.06 - Modello di dichiarazione di impegno sottoscritte dal capofila e da ogni partner italiano.
  • D.07 - Istruzioni per le imprese per la compilazione dei moduli de minimis;
  • D.08 - Modello di dichiarazione sostitutiva per impresa singola per la concessione di Aiuti in de minimis;
  • D.09 - Modello di dichiarazione sostitutiva per la concessione di Aiuti in de minimis (impresa controllante o controllata);
  • D.10 - Modello di dichiarazione sul cumulo degli Aiuti ai sensi del Regolamento (UE) n. 651/2014.
  • D.11 - Linee guida per la presentazione e gestione dei progetti;
  • D.12 - Metodologia e criteri di selezione;
  • D.13 - Modello di Convenzione di attribuzione del contributo pubblico tra l’Autorità di Gestione e il Beneficiario capofila;
  • D.14 - Modello di Convenzione tra il Beneficiario capofila, il Capofila svizzero e i partner di progetto;
  • D.15 - Informativa sul trattamento dei dati personali.

L’Autorità di Gestione ha inoltre predisposto per i potenziali beneficiari due Guide per favorire la compilazione della domanda:

  • E.01 – Manuale SiAge
  • F.01 – Indicatori di Output
  • G.01 – Guida alla compilazione della Scheda per la presentazione dei progetti
  • G.02 – Allegato alla Guida (Quadro Logico)
  • G.03 – Allegato alla Guida (Scheda coerenza NPR)
  • G.04 – Allegato alla Guida (Sostenibilità Ambientale)

Per maggiori informazioni è possibile scrivere al seguente indirizzo di casella mail del Segretariato Congiunto STCitaliasvizzera@regione.lombardia.it

In data 25 Settembre è stato aggiunto Allegato 4 Foglio di Excel, per i fini indicati nella News specifica, il foglio "Calendario Attività".